app-galleryapp-storearrow-downclosedocumentdownload-2downloadfile-2filegaranziagoogle-playico_agevolazioniico_cameraico_convenienzaico_instagram_blueico_like_blueico_picture_blueico_pompa-di-caloreico_purificazionelogo--negativelogo_garanzia-5-annilogo_texcellmail-2mailmap-pointernextsearch-boldslideshowuvc-protection
21 Giugno 2021

Le principali cause dell’allergia indoor

Il Ministero della Salute Italiano, nella periodica relazione sullo “Stato di Salute del Paese”, indica molteplici cause all’origine delle patologie allergiche e dei disturbi respiratori legati all’inquinamento indoor, ma la principale sorgente sembra proprio essere la scarsa ventilazione.

Un insufficiente ricircolo dell’aria favorisce la proliferazione di numerosi allergeni presenti in casa come gli acari della polvere, le muffe, i pollini e i composti organici volatili (VOC) derivanti dall'impiego di disinfettanti per la pulizia di superfici e pavimenti.

Di certo nei soggetti allergici esiste una predisposizione genetica, a cui però si associano fattori scatenanti come l’inquinamento di tipo urbano, che penetra negli ambienti domestici, e una carente areazione dei locali.

Le allergie indoor colpiscono soprattutto le vie respiratorie e gli occhi causando sintomi come irritazione, naso chiuso e tosse continua: oltre a fastidiose riniti e congiuntiviti, si possono manifestare forme allergiche ben più gravi come l’asma.

Per prevenire o alleviare le allergie indoor è dunque consigliabile areare i locali e purificarli con dispositivi che utilizzano filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air filter). Jade di Haier, il purificatore e condizionatore all-in-one, grazie al filtro iFD è in grado di catturare e neutralizzare le particelle fino a 0,3 micron, eliminando così pollini, batteri e muffe presenti in casa.

Link Fonte: https://www.polifarma.it/it/per-i-pazienti/detail/allergie-indoor-3641 

Top
Chiudi
Chiudi