app-galleryapp-storearrow-downclosedocumentdownload-2downloadfile-2filegaranziagoogle-playico_agevolazioniico_cameraico_convenienzaico_instagram_blueico_like_blueico_picture_blueico_pompa-di-caloreico_purificazionelogo--negativelogo_garanzia-5-annilogo_texcellmail-2mailmap-pointernextsearch-boldslideshowuvc-protection
16 Agosto 2021

Principali linee di gestione dell’aria negli ambienti scolastici

L’aria negli ambienti indoor, sia che si parli di ambienti domestici che di lavoro, è caratterizzata dalla presenza di allergeni come pollini, acari e muffe, ma anche di composti organici volatili (VOC) e particelle inquinanti come PM10 e PM2.5, provenienti dall’esterno.

Le strutture scolastiche sono considerate a tutti gli effetti degli ambienti di lavoro: già da diversi anni era evidente come la maggior parte degli edifici scolastici disponesse di un sistema di ventilazione del tutto inadeguato, ma la recente pandemia da Covid-19 ha ulteriormente messo in risalto l’assenza di una normativa specifica sulla qualità dell’ambiente indoor nelle scuole italiane.
Si è così cercato, sia a livello europeo che nazionale, di fornire delle linee guida contenenti i requisiti necessari per garantire una buona gestione dell’aria indoor nelle scuole.

Prima di tutto occorre assicurare un’adeguata ventilazione degli ambienti sia attraverso una corretta ventilazione naturale sia a attraverso l’introduzione di sistemi di ventilazione meccanica.

È poi importante assicurare interventi di deumidificazione ed effettuare l’isolamento e la pulitura di muri con pitture fotocatalitiche.

Risulta fondamentale anche posizionare piante mangia-veleni e rimuovere materiali contenenti inquinanti, favorendo l’impiego di materiali per arredamenti e rivestimenti a basse emissioni di inquinanti.

Un concreto aiuto in questa direzione è rappresentato dai moderni sistemi di condizionamento e purificazione dell’aria come Jade di Haier, il purificatore e condizionatore all-in-one che, grazie al potente filtro iFD, elimina con la massima efficienza pollini, batteri, muffe oltre al particolato PM10 e PM2,5.
 
Link fonte:

https://www.isprambiente.gov.it/files/progetti/qualitadellariaallegati.pdf
https://www.qaes.it/wp-content/uploads/2020/05/QAES_T3.1_Indagine-stato-dellarte_FINALE.pdf  
https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/i-blog-della-fondazione/ambiente-e-salute/a-scuola-con-le-finestre-aperte

 

Top
Chiudi
Chiudi